Skip to content


Zona del Silenzio, graphic novel sul caso Aldrovandi

Dopo un mese di pausa rieccomi di nuovo ad animare il blog visto che il mio socio o è morto o diventato analfabeta tutto insieme. Per leggere bisogna stare in uno stato emotivo giusto e in quest’ultimo periodo non lo sono stato; Mi sono dato nel tempo libero a qualche filmetto, riviste e fumetti arretrati.
Ed è proprio da un fumetto che riparto: Zona del Silenzio, graphic novel sul caso di Federico Aldrovandi.
Comprato ieri e letto tra stanotte e stamattina, a pochi giorni dalla sentenza per i 4 agenti PS che hanno provocato la morte di Federico, un 18enne di ritorno da una serata a Bologna nella sua Ferrara, a causa delle percosse subite e del successivo soffocamento.
Come si fa a digerire e ad accettare una morte così?! Non c’è modo, è impossibile. Tant’è che questa “storia molto italiana” è emersa faticosamente dopo la denuncia della mamma, Patrizia.

Il libro ripercorre alcune parti della vicenda, in cui gli autori Checchino Antonini (giornalista di Liberazione) e il disegnatore catanese (ma risiede nella mia città) Alessio Spataro, ripercorrono gli anni in cui la storia emergeva (era il 2006) e aveva bisogno di essere ascoltata. Vengono raffigurate alcune delle udienze e narrata una città, Ferrara, che ha ben poco della “tranquilla e rossa” città emiliana. La provincia italiana che sa essere mostruosa più di qualsiasi periferia metropolitana, dove la questura e i suoi sgherri si sentivano forti e impunibili.
Il protagonista delle tavole è Simone, giornalista che si interessa alla storia, facendone una sua battaglia. Infondo non è altro che Checchino a cui attorno si muovono una serie di persone e personaggi piuttosto riconoscibili (con Alessio farò i conti in privato, bastardo!).

Vista la conoscenza e l’affetto che mi lega al matitaro catanese non posso dare un giudizio imparziale, sarei scorretto. E’ un libro ben disegnato e simpatico da leggere, in cui non c’è spazio per la descrizione del dramma ma sceglie di rimanere leggero nella sua denuncia, il modo migliore per non affogare nel pietismo e nella indignazione che troppo spesso suonano in maniera falsa.

Un libro che consiglio, ovviamente, e che magari in queste giornate di Crack 2009 lo trovate anche scontato, direi quasi più scontato di questa mia recensione. Ma ne avevo bisogno di tornare a scrivere ma soprattutto di tornare a leggere.
Sono giornate da entusiasmi intermittenti…

Posted in fumetti.


One Response

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.

  1. kappa says

    il tuo socio è in periodo lavorativo con poco tempo da dedicare ai libri [che si accumulano però in camera] nonchè impegnato ad allenare il Tolosa a football manager…
    appena ho un attimo di respiro torno, non ti preoccupare.
    Sai che ti odio pure sul nostro blog….



Some HTML is OK

or, reply to this post via trackback.