Skip to content


Vedere

 Se non fosse stata per una proposta di una presentazione, non avrei mai letto Vedere di Mattia Zadra. Del resto ultimamente non sono stato troppo fortunato o comunque quantomeno in vena di letture. Succede sempre così dopo aver letto un libro importante come 1Q84.

Vedere è scritto da un ventenne. Vedere non è un romanzo di formazione bensì uno sfogo di un ragazzo come tanti, impegnato in un lavoro che non gli piace, che vive una città imprecisata ma come tutte le altre, e che da circa un anno è rimasto solo: la sua compagna Cath è in coma in ospedale.

Il protagonista è Kyle Simmons (un riferimento a South Park?) che seguiremo attraverso queste 150 pagine, costruite e sostenute da un buon stile di scrittura, nel suo quotidiano fatto di lavoro, assenteismo dal lavoro, ubriacature con suo amico Mark, che nella vita truffa i “segaioli da tastiera”, e le sue visite in ospedale alla sua amata. Kyle non ama la sua vita anzi direi proprio che la odia. Improvvisamente la sua stessa vita comincia a crollargli attorno. Ma a crollargli davvero. Strane voci, crepe improvvise sui muri, case che vengono giù nell’indifferenza generale, tanto da portare il protagonista verso la paranoia, attraverso un percorso onirico dove realtà e fantasia si fonderanno fino a confendere tanto il protagonista quanto il lettore.

Ma sono paranoie? visioni? o c’è qualcos altro? Ovvio che non sto qua a fare lo spoiler e dunque vi lascio il dubbio e magari uno straccio di interesse. Il romanzo tiene, magari fatica un po’ a decollare ma tiene su tutta la linea. Bisogna pur sempre partire dal presupposto che è l’opera prima di un ragazzo di vent’anni e io a vent’anni al massimo annavo a fa le scritte sui muri in quartiere. Zadra invece confeziona un romanzo che ha solo un gran difetto: le citazioni di Palahniuk! All’autore è evidente che piaccia a me invece stucca.

Non mi resta che dirvi che se davvero vi interessa o siete semplicemente curiosi, domani ore 19 al Cinema Palazzo a San Lorenzo (Roma) l’autore presenterà il romanzo. Ah ci sarò anche io ma non vi dico in quale veste.

Posted in narrativa.


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.



Some HTML is OK

or, reply to this post via trackback.