Skip to content


L’invenzione di Palermo

Ho conosciuto Giuseppe Rizzo, autore de L’invenzione di Palermo, prima di leggere il suo libro. Insieme al mio radio-socio lo abbiamo intervistato e mi è risultato così simpatico che la notte stessa ho cominciato questo divertente romanzo, ambientato in una città a me completamente sconosciuta, Palermo, “la città che Dio ha inventato perché si annoiava”.

E l’impressione che mi ha dato Giuseppe, di simpatia spontanea, è rimasta intonsa nelle pagine di questo libro, che vede protagonista una quindicenne, Annina Tirone, che vive insieme alla sua famiglia nelle baracche di Fondo Picone, in un ambiente di sotto-proletariato urbano, tutt’ora esistente. Un romanzo surreale, grottesco e divertente, scritto in un linguaggio inventato e rielaborato, giocando con termini e parole, che fanno della quindicenne Annina, una piccola Alice che invece di muoversi nel paese delle meraviglie, agita e sopravvive nel paese dei disperati.

“In questo inferno, si svolge la vicenda di Annina Tirone e della sua
famiglia. Sparata la madre, l’unica cosa legale di quell’armata
brancazozzone, sarà lei, stivaletti rossi e parolacce sempre in bocca, a
tirar fuori dai guai la sua famiglia in una corsa scoordinata e
sognante contro tutto e tutti, una corsa con le mani a terra e i piedi
per aria, un fuoco d’artificio pieno di fatti cose nani elefanti mostri
munnizza e asfalto.”

Rizzo è bravo e giovane anzi direi giovanissimo in confronto a me, è siciliano ma quando parla ha l’accento sardo! Ma soprattutto il libro funziona, dalla prima all’ultima pagina, scorrendo via tra un porcaminchiabuttanazza e una turbominchiazzata, regalando una Palermo verosimile, di disperati, di dignità zero, di politici e mafiosi accompagnati da scimuscimmie, di baracche ma anche di odori, rumori e colori, che sono poi caratteristici del profondo sud; il tutto condito da un linguaggio sperimentale e originale che probabilmente sono la novità che più incide in questo romanzo.

Un libro che consiglio di leggere, vi occuperà un pomeriggio al mare o al lago, vi farà ridere e vi accarezzerà come una favola neorealista e consiglio anche di ascoltare la sua intervista (nella seconda parte della trasmissione) e mi congedo con ciò che Giuseppe pensa di noi blogger: Il meccanismo tanto deprecato dei reality vale anche per i blogger.
Aprire un blog, che parli magari di letteratura o teologia, non rende
più intelligenti, spesso è solo la gabbietta in cui la scimmia mangia le
sue noccioline e pretende che gli avanzi siano critica o, peggio,
letteratura.

Ahaha mi sa che ha proprio ragione! Vi saluto dalla mia gabbia.

Posted in Generale.


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.



Some HTML is OK

or, reply to this post via trackback.