Skip to content


I Killed Adolf Hitler

Quando a settembre mi sono trovato tra le mani, in una fumetteria berlinese, l’ultimo lavoro di Jason dal titolo I Killed Adolf Hitler non potevo che non com prarlo. Amo questo autore norvegese e le sue storie e non mi sono neanche spaventato dal fatto che fosse completamente in inglese. Ancora una volta la tenacia ha sconfitto l’ignoranza…

Letto qualche sera fa in una piacevole serata l’ultimo romanzo grafico di Jason è una splendida storia in cui vediamo muoversi un killer su commissione a cui viene affidato l’incarico di uccidere Adolf Hitler utilizzando una macchina del tempo. Il tutto però non si svolgerà in maniera così semplice, anzi, il protagonista si troverà intrappolato nel passato mentre Hitler riuscirà a fuggire nel presente. Tutta questa vicenda si sviluppa parallelamente con il crescere e lo sviluppare il sentimento tra il protagonista e la sua vicina di casa, in una surreale e incantevole storia d’amore.

Ma tutto ciò che ha prodotto Jason è surreale come è triste, cupo e ironico come pochi possono davvero essere. Adoro questo norvegese proprio per questi motivi e ancora una volta mi ha sorpreso, come sorprendente è il suo tratto e facilmente riconoscibili sono i suoi animali antropomorfici, vere star di tutti i suoi fumetti.

Non si ride sempre con Jason, anzi. Vi capiterà di leggere Ehi, aspetta… e di avere voglia di piangere come in Sshhhh! dieci storie mute a fumetti talmente belle e insolite da sembrare fantastiche. Rimpiango di non aver preso anche gli altri albi non tradotti in italiano ma con Jason è stato un vero e proprio amore a prima vistae ancora adesso mi auguro che vengano pubblicati anche i restanti.

Magari non vi fidate ma Jason non è solo un autore che vale bensì è qualcosa di completamente diverso.

Posted in fumetti.

Tagged with .


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.



Some HTML is OK

or, reply to this post via trackback.